Casa post covid, come cambia.

Maurizio Pesenti blogger Giu 08, 2020 No Comments

La casa del futuro.

Dall’indagine di NOMISMA emerge un nuovo tipo di domanda da parte delle famiglie che adesso cercano la casa post covid.

come cambia la casa post covid?

La tipologia dell’immobile che offre anche la possibilità di usufruire di giardino o balcone.

E’ uno degli effetti del Coronavirus e del periodo di isolamento da lockdown.

Cresce la domanda delle famiglie che si stanno muovendo per cercare un’abitazione.

E i dati lo confermano, si passa dall’1.9% (pari a 494mila famiglie) al 2,1% (549mila famiglie).

La spinta del mercato immobiliare sarà guidata dal cambio della propria prima abitazione.

Secondo Nomisma, si tratta di un incremento sorretto probabilmente da una pianificazione dell’acquisto pre-pandemia.

Al contrario diminuiscono lievemente le intenzioni di acquisto di un’abitazione nei prossimi 12 mesi, passando dal 7,6% al 7,3% (1.9 milioni di famiglie).

Il periodo così lungo di permanenza nelle nostre case ha cambiato profondamente la tipologia di casa desiderata.

Il desiderio di balconi, giardini, spazi comuni vivibili oltre le mura della nostra abitazione sono diventati fondamentali.

Ripensare e riprogettare la casa post covid, sarà il grade obiettivo degli sviluppatori immobiliari post covid.

Tutto quello che prima era scontato non lo sarà più, il cambiamento dovrà essere significativo, gli spazi di vivibilità compatibilmente con il costo dovranno cambiare.

Progettisti, sviluppatori immobiliari avranno un compito fondamentale nel disegnerà l’abitare del futuro.

La sfida sarà quella di rivedere, mantenendo gli stessi costi, processi di vivibilità diversi, bisognerà chiedere l’aiuto anche delle istituzioni.

Anche le istituzioni dovranno fare la loro parte, nel senso che le misure minime di alcuni ambienti dovranno cambiare.

Ha poco significato avere una camera matrimonale di 14 mq imposta per legge, e magari una zona living di 25 mq !!!

Aumentare le zone living a discapito delle zone notte potrebbe essere un idea vincente, pur mantenendo i costi.

Aumentare la superficie di balconi, logge, giardini, verande, trasformabili alla bisogna in piccoli studi separati dal vocio della casa.

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwitterredditpinteresttumblrmailby feather

Maurizio Pesenti

Agente immobiliare con esperienza trentennale, blogger immobiliare.

Lascia un commento

Privacy Preference Center

Necessary

Advertising

Analytics

Other